Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

11 mag 2021

Punta Kennedy con discesa dal Canale della Vergine.

Ormai ci abbiamo preso gusto, finito di lavorare si parte per Chiareggio.
 Che pero visto le varie code raggiungiamo gia' al buio.
Mentre la cena si scalda accendiamo il fuoco per scaldarci, quando scende la sera il vento freddo dovuto al rigelo scende dalle montagne e la temperatura cala....
Qualcosa di caldo e un buon bicchier di vino aiutano a scaldarsi...
Poi tutti a nanna, la sveglia suonera' presto.
E prima delle 5 si parte, non siamo dei super eroi ma umani e per farci 1900 mt di dislivello ci serve piu' tempo di quelli della seria A.
Ovviamente sempre carichi come muli.
Passato il ponte incontriamo gia' la neve ma essendo dura come marmo preferiamo continuare  a piedi.
Grosse valanghe hanno trasformato la facile mulattiera che sale ai rifugi in scivoli ghiacciati
Perchè rischiare, mettiamo i ramponi.
Piu in su ci raggiungono i forti, calziamo gli sci ovviamente con i rampanti anche se la neve non è sempre continua...
Raggiungiamo alle 6 la Porro e li ci mettiamo l' imbrago.
Si sale...
Qualche battuta aiuta e lo sguardo va....
Al "Canale della Vergine" che scende direttamente dalla Kennedy, ma visto da qua sembra una pazzia scenderlo.
Quindi lasciate le idee malsane di una possibile discesa da li, continuiamo a salire fino a i 2700 mt , dove i più si dirigono verso il passo del cassandra
Ma noi no, cerchiamo una via per entrare all' interno nella parte piu' selvaggia della montagna.
                                       E si parte , si sale in questo mondo di equilibri e baratri...
Dove cattedrali di ghiaccio compaiono...
Il Bivacco Taveggia è completamente coperto dalla neve.
Lo salutiamo e continuiamo a salire....
Ognuno al suo passo sale...
E il vero Re Bernina, ci saluta sotto la sua corona lenticolare
Ogni curva ci fa' guadagnare metri... ogni inversione è una in meno da fare...
Lei è la e dall' alto ci guarda...
Siamo delle formiche in questo mondo...
Ma come formiche non molliamo....
Ora arriva la parte pu' pericolosa dobbiamo passare in mezzo a enormi buchi .
Si sale con gli sci fino dove si riesce....

Poi si tolgono per superare gli ultimi muri
E finalmente compare il colle, la nostra meta.
Ultimi metri poi....
Eccoci al colle.
Qua Claus, che a tempo di record ci ha raggiunto, mi convince a proseguire, lascio i mie compagni al colle e raschiando dal fondo del barattolo racimolo le forze. Scendo nel vallone sottostante senza spellare.
Mentre Claus e soci  ripellano . io salgo... manca poco e stringo i denti
Lasciati gli sci e mesi i ramponi saliamo gli ultimi metri.
Dopo un traverso e un pezzo ripido raggiungiamo la cima.
Finalmente !!!
Da una parte il Canale della Vergine che scende sotto di noi e mi turba non poco....
Dall' altra parte il dedalo di seracchi da cui siamo salti.
E piu' il la il colle, l'arrivo della scialpinistica, di pochi metri piu' basso della cima.
E qua una foto fatta dalla Fedora che arrivando al colle ci fotografa in cima.
I 2 puntini siamo Claus ed io , 2 piccole formiche in questo mondo di ghiacci

Ora si scende lasciando ad altri la soddisfazione e il piccolo spazio della cima.
Lascio Claus ad aspettare i suoi compagni, mentre  scendo...
Pensando ora arriva il bello....
Messi gli sci il primo pezzo e abbastanza facile fino al bivacco Oggioni...
Da qua un po' di anni fà partimmo per fare la Cordamolla ... quanti ricordi con Mauro e Simone....
Ma ora si scende e soprattutto vietato sbagliare...
Si aggirano serracchi...
E si scende su belle pendenze...
Evitando i raffioramenti delle rocce, e le scie delle slavine.
Ci si sposta ora sul altro versante per evitare il salto di roccia sotto di noi.
E ancora giu', zizzagando tra ghiaccio e roccia.
E finalmente le difficoltà diminuiscono e capisci che ce l' hai fatta.
Qua schematicamente la discesa.
Quella che stamattina si pensava una roba da matti farla... 
L' abbiamo fatta , forse non siamo del tutto a posto !!!
Ma il vero bello deve ancora arrivare...
Messe le birre in fresco....
Cosa c'è di piu' bello di una merenda ????
E mentre ci si rilassa ... si sta gia' pensando... che si fa il prossimo week ???

Questa è la traccia GPS che poi si trova nel link Alpinline"Tracce GPS"
Ovviamente prendetela con le molle, soprattutto nella parte alta, i crepacci cambiano in continuazione.

Grazie a chi mi ha lasciato usare le sue foto e chi a condiviso con me questa fantastica giornata .

 

1 commento:

Alessandro ha detto...

figata! Bravi