Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

04 gen 2013

IL Piazzo

30-12-2012
Anche oggi con Giotto giretto in Val Gerola....
Questa volta puntiamo a una meno conosciuta delle sue "vicine di casa"
Il Piazzo tutti lo vedono salendo a Gerola, anche perchè è inconfondibile sulla sua cresta ci sono 2 enormi tralicci elettrici.
Una volta arrivati a Laveggiolo si prende la strada forestale che porta al rifugio Trona.
Fare una escursione in una zona poco frequentata è bellissimo, nessuna traccia davanti a te, o meglio, sulla neve 4 zampine ci sono, Giotto non si fa' mica aspettare.
 Finalmente giriamo l'angolo e montagne a noi molto familiari appaiono.
Ma sulla neve ecco apparire nuove impronte, Giotto sente l'odore di qualcosa di nuovo, e uno spettacolo vederlo, salta da una parte all' altra...
 Ed eccolo apparire, un bel maschio di camoscio,G8 vorrebbe inseguirlo, ma lo lego e glielo impedisco,
se per lui è un bel gioco per l'animale non lo è, lui non sta' giocando lui deve soppravvivere all' inverno.
 Ormai persa ogni speranza di fare un nuovo gioco G8 dedica tutta la sua grinta alla salita e raggiunge come suo solito la cima prima di me.
 Anzi questa volta sara' l'unico ad essere arrivato in cima, infatti il pendio finale non mi piace, e anzi per non caricarlo troppo scendo i primi 100 mt in modo rettilineo e a piedi.
Pensavo fosse una montagna molto sicura la classica alternativa quando in giro c'è pericolo...
Invece vuoi nell' avvicinamento sulla strada, vi sono passaggi di valanghe, che nel finale, non è quello che si puo' dire una meta sicura.

Nessun commento: