Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

05 nov 2014

Mercoledi 12 Novembre

A San Damiano presso la cooperativa alle 21,15
BiancoAtlas ci parlera' del suo viaggio fatto in Marocco.
 

Arco : Via Sabina e falesia delle Marmitte dei Giganti

La voglia di arrampicare quest' anno è tanta, come tanti  sono gli amici con cui condividerla.
Oggi con Marco e Andrea andiamo sulla via Sabina
 Sulla stessa via ci sono anche altri amici e la salita non puo' che essere divertente...
 Il passo chiave superato da Andrea.
 E gli ultimi metri anche per Marco.
 Le altre cordate non si accontentano della via e vanno a fare una variante... qua la Dany e Banfy, Bravissimi !
 Noi invece usciamo normalmente percorrendo la caratteristica cengia rossa.
Brava Noora !
 Strani animali del bosco...
 Ma è presto ..tempo di una birra e poi...
 Andiamo a vedere la Falesia delle Marmitte dei Giganti... veramente spettacolari !
 La falesia si divide in 2 settori la parte alta piu' facile e quindi piu' frequentata
E quella bassa dove si va dal 6a in su, sono quindi meno frequentate ,comunque le difficolta' stanno nei primi metri... 
Un bellissimo tramonto ci viene regalato... 
 A turno proviamo i vari tiri anche se le soste in alto non sono proprio messe bene...
 Ovviamente si arrampica finchè fa buio... ma si sa siamo malati ! 
 Arrivati alla macchina anche Arco ci da' la buona notte...
Ovviamente l' inverno è lungo e di sicuro ci torneremo

Rocca Sbarua

La conclusione del corso di roccia come ogni anno avviene a Rocca Sbarua.
Caricati come asini saliamo verso il rifugio...
 Lasciato il superfluo a "Casa Canada" con Dany andiamo a fare "Spigolo Rivero "
 Ormai non sono piu' alievi, ma compagni anzi compagne di cordata.
 Arrivati in cima la voglia di arrampicare è tanta ...quindi foto di rito e poi giu' verso la via piu' conosciuta....
 La Gervasutti con il suo fantastico diedro.
 Con l' ultimo sole usciamo e torniamo al rifugio per una allegra serata...
Il risveglio la dice lunga su come si è passata la serata....
 Ci vogliono ben 2 vie per far ritornare il sorriso alla Dany.
 La gioia di tornare al rifugio e raccontare cio' che si è fatto e comune a tutti i corsi... Ma questo corso aveva un qualcosa in piu' ... Si è instaurato un ottimo rapporto fra tutti, che fa ben sperare di ritrovarci presto assieme. 

Arco : Via Rita

Arco è un po' come Finale non basterebbe una vita per scoprirla tutta...
Questa volta lasciamo il settore di San Paolo che conosciamo per spingerci con il corso un po' piu' a Nord. Siamo andati a fare la via Rita nella Parete Zebrata .
A Laura non piace la compagna di....
Sosta .
Strisce scure e chiare si alternano dando il nome alla parete, il traverso del 4 tiro
La roccia è molto usurata dai ripetuti passaggi ma basta stare un po' fuori per trovare un buon grip.
Noora e la farfalla...
Ultime placche prima del lungo camino
L'unica incognita della salita è stato il meteo , ma per oggi è andata bene il brutto è restato la...
Dentro l' enorme camino...
Che si allarga ...
E si restringe.
Ultimi metri...
Dopo 16 lunghezze di corda usciamo.La gioia dei ragazzi mi ripaga piu' di un 4000 .
E mi fa capire, che ora quello che voglio è questo.
 

20 ott 2014

Val Bondasca - il "Viale"

A volte il lato B è meglio del lato A.

E per noi che stiamo di qua, in una splendida giornata di metà ottobre,
non è male andare di là.

Se poi la cosa viene fuori all'ultimo momento, pensandoci  di notte, e parti da solo per l’avventura quando fuori è ancora buio, non si può che compiacersene.



 E non importa se il sole arriva solo a mezzogiorno ad infiammare i larici cotti a puntino. 
Basta solo essere li.




02 ott 2014

Colpi di coda di fine estate



Quando oramai pensavo che la stagione fosse finita ecco due belle sorprese salite con Lucie: Weissmiese e Carrè Alto.
Ottime condizioni per entrambe le cime in questa fine estate caratterizzata dalla presenza di un’abbondante coltre nevosa che ricopre i ghiacciai. Terminali chiuse e pendii di neve facilitano la progressione permettendo di muoversi velocemente.

Saliamo la Weissmiese dalla cresta sud ovest, la vecchia normale prima che aprissero gli impianti del versante N.
Molte le cordate presenti su questo facile itinerario ma, data la morfologia della cresta, l'affollamento non disturba troppo la progressione.


In cima
 


Discesa per il versante opposto che si presenta in buone condizioni e anche il sentiero fino a Sass Ground non ci pesa troppo.
 


Qualche km di pedali ci riporta alla macchina lasciata al paese dopo.


Il weekend scorso ci siamo recati in Val Rendena a cercar orsi e a provare la salita della cresta est del Carrè Alto. Con noi doveva esserci anche Simone che darà forfait causa problemi di salute. Bella cresta su ottima roccia che offre passaggi interessanti di arrampicata su roccia e due tiri simpatici su neve per guadagnarne l'uscita e quindi la cima.

L'alba alla bocchetta del cannone


Il tiro che permette l'accesso alla cresta

 Adamello, corno Bianco, Cavento e compagnia....



Panorama sul Brenta




Scesi per la normale che passa sotto il Cavento su facile ghiacciaio (con gli sci si sarebbero fatte curve interessanti…Ma è decisamente presto per dare il via alle danze!