Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

08 lug 2013

Capanna Margherita 4559 m 5-6 Luglio 2013

Mi piace andare in montagna...
Mi piace misurarmi con i miei limiti fisici, tecnici e mentali...
Mi piace condividere tutto questo con persone speciali, sentire che c'è qualcosa che ci lega, oltre al legame momentaneo di una corda durante un'arrampicata o un'ascesa più o meno difficile che sia...
Mi piace andare con Amici che sono pronti ad aiutarti a migliorare e che ti facciano anche ridere e tanto, di gusto.
Mi piace vedere che in un gruppo come il CAI di Brugherio se c'è uno che propone una gita chi ha voglia di aggregarsi e fare del suo meglio viene accolto, seguito, valorizzato.
Ormai chi mi conosce sa che se mi viene proposta una salita su un 4000 mi rende solo felice ed entusiasta ed è ciò che è capitato proprio nella nostra piccola sede di Brugherio, dove un Presidente (Fausto) un tantino più in là con gli anni rispetto a chi lo ha preceduto, ma con un cuore di fanciullo, propone nientemeno che la salita alla Capanna Margherita.
Il gruppo dei partecipanti è consistente, siamo in 11, ma ci sono anche capi gita disponibili come il mitico Piero e Angelo (amico di Fausto) disponibili a fornire la loro esperienza.
Alcuni sono al primo 4000 come l'amica Silvia, lei che avrebbe dovuto in realtà scrivere questo report. Per lei questo 4000 è molto importante, una promessa fatta al suo Papà che purtroppo non è riuscito a toccare questa cima, ci riuscirà lei e gliela dedicherà!!! Grande Silvia!!!
 Ma andiamo per ordine, anche stavolta c'è la solita caccia ai giorni più favorevoli, alla fine si opta per venerdì e sabato 5-6 Luglio con partenza da Brugherio alle 12,00. Il tempo per arrivare a Gressoney e prendere la funivia fino a Indren per poi andare a piedi alla Gnifetti e pernottare lì. Tutto secondo copione, si arriva, si cena, si dorme.
L'indomani sveglia alle quattro, ci si prepara, si fa colazione e si va. Iniziamo l'ascesa intorno alle cinque del mattino. Siamo 4 cordate: io, Silvia e Piero poi Angelo e Gianna, poi Fausto con Eva e suo fratello di cui non ricordo il nome, e per finire Luchino, Ludovico e Mattew (credo si chiami così, un polacco amico di Fausto figlio del fratello di Eva)
Siamo in tanti, ma io sono molto contenta di essere in cordata con il mitico Piero e con Silvia, sapendo della dedica che andrà a fare. Anche io come sapete ho sempre la solita dedica, ma stavolta ritengo che la sua sia molto più importante...
Il nostro passo è regolare, non velocissimo ma costante, ascendiamo con un pò di fatica specie nei punti più ripidi e soprattutto man mano che ci si alzava di quota. Personalmente ho iniziato a rallentare parecchio dopo quota 4300 circa, ed anche Silvia. Piero però se ne accorge e rallenta dandoci occasione di riprendere fiato e poter proseguire. Il ritmo è perfetto e forse l'aver salito il Breithorn la settimana precedente mi aveva allenato molto.
Procediamo fino in cima ignari di ciò che stava accadendo dietro di noi: Eva e Luchino non stanno bene, decidono di scendere e Fausto li accompagna fino al Mantova dove li ritroveremo in discesa, quindi le cordate si rimescolano. Gli altri del gruppo ci raggiungeranno in cima dove ci informeranno dell'accaduto.
Noi, dicevo, procediamo con passo regolare, la quota si fa sentire e il tragitto alterna salite ripide a tratti pianeggianti. Intravediamo la Capanna da lontano, questa vista ci dà la forza di progredire, ma la vediamo sempre più vicina, ma così irraggiungibile, sembra non arrivare mai per non parlare dell'ultimissimo tratto veramente in piedi e poi, finalmente la cima e la Capanna.
Appena entrata in Capanna il lungo abbraccio con Piero e Silvia e l'emozione e la fatica si sciolgono e poi... Gioia pura

Un pò di foto
Alla partenza
Silvia
La superfotografata Gnifetti
Tramonto


Partenza al mattino dopo
Fausto

Panorami
Dai che arriva il sole!!!
Nel sole... Eccola!!! Ancora lontana...
Quanto è bella quella cresta...
Ancora lei... Ancora così lontana...
Più vicina...
Ce la faccio, ce la faccio...



Si avvicina, eccola... Aaarghhh!!!

Arrivata!!! Finalmente!!!
Re, ecco la tua dedica per il mio quinto 4000!!! Che sudata!!!
Un pò di panorami dalla cima
E per finire...
Silvia si era portata la tessera cai del suo Papà con sè...
Ed ecco la sua dedica...

Ed ecco Silvia in cima al suo primo 4000!!! E che 4000!!!
Grande Silvia!!!

Scendiamo e ci ricongiungiamo a Luchino, Fausto ed Eva che nel frattempo ci aspettavano al Mantova.
Un pò di amarezza per Fausto, che sono sicura si rifarà molto presto mentre Luchino ed Eva stanno visibilmente meglio.
Il gruppo scende alle auto e rientra a casa, stanchi ma felici di questa magnifica esperienza. Personalmente oltre alla cima io ho trovato un'amica!!!
Ciao a tutti

7 commenti:

Orzo Bimbo ha detto...

Bravi !
Complimenti specialmente a Silvia e al suo primo 4000, per lei molto importante, piu' di qualsiasi altra montagna !

Vecchioleone ha detto...

Wow!! Non sapevo fosse il primo!! Raddoppio i complimenti Silvia, non è facile arrivare a 4.500 senza essere abituati, ci vuol carattere

Anonimo ha detto...

Sono troppo commossa .... non ho parole .... se non .... GRAZIE !!!

Anonimo ha detto...

Grazie di cuore .... perchè se ci sono riuscita, è anche merito delle persone che mi hanno accompagnato e che hanno vissuto con me ogni piccolo passo, ogni grande emozione .... e per me sono stati UNICI ... tutti .... Alessandra in modo particolare ... perchè mi è stata molto vicino e mi ha dato la carica e l'energia, e la sua commozione all'arrivo mi ha scaldato il cuore ..... quindi non me ne vogliano gli altri .... ma un grazie particolare va propria ad Alessandra ..... e a Piero ..... Vi voglio bene!
Silvia

dany p ha detto...

......complimenti!!!!......soddisfazione immensa a raggiungere i propri obbiettivi.......grandi!!!

Mau ha detto...

Bravissimi tutti, ai soliti Piero e Angelo che sono una sicurezza per chi sale, ad Alessandra che ormai sui 4000 non la ferma più nessuno e a tutti gli altri (Sia che abbiano raggiunto la cima e chi ci ha comunque provato). Una bravissima in particolare a Silvia, è già una grande soddisfazione raggiungere la Capanna Margherita come primo 4000, se poi c'è anche una motivazione speciale che ci spinge lo è ancora di più

Andrea ha detto...

Domenica ero sul Grand Combin.
Dalla cima ho buttato un occhio al Rosa e l'ho visto bello al sole; ho subito pensato che almeno qualcuno di voi sarebbe riuscito a raggiungere la cima!