Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

09 gen 2012

Monte Sasna

Visto l'annullamento della due giorni on-ice a causa di condizioni non buone, serve un'alternativa che arriva puntuale quando Cedric ed Elisa ci invitano a Nona, paesello sperduto in Val di Scalve (ma quanto è bella questa valle?) sotto la N della Presolana.

Sabato è lo sci di fondo che ci permette di disfarci di "Raclette" senza sentirci troppo in colpa. In quanto a fette di formaggio fuso mangiato, Lombardia batte Bretagna ai punti, mentre Savoia e Sardegna sono staccate di parecchie fette.


La mattina di domenica si parte per un monte Sasna che MAI avrei pensato in condizioni così "buone"! Ero talmente pessimista che ho infilato le scarpe da tennis nello zaino e invece...Invece si parte da Nona sci ai piedi e in discesa si riesce a sciare fino a 20 minuti dal paesello.
In salita bisogna solo aver l'accortezza di tagliare lungo i prati dove eroicamente resiste qualche cm di neve; dalle baite a quota 1900 metri non conviene prendere il dosso che si fa con buon innevamento in quanto il vento ha ripulito tutto per bene, conviene piuttosto stare nel vallone di destra dove si sale per accumuli su neve sicura ma crostosa.




In cima il forte vento da Nord ha portato qualche nuvoletta della perturbazione in atto sulle Retiche ma poco male, il sole ha resistito!


Discesa su crosta a tratti portante....Non si può chiedere di più in questo momento, con questa esposizione (est pieno!) e con un sole che scalda come quello di marzo!

Ritorno a Nona, pizzoccherata e rientro a casa concludendo degnamente delle vacanze splendide.

Saluti a Guru e agli altri on-icers incontrati!



Nessun commento: