Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

13 ott 2008

Rocca di Baiedo


Sfruttare tutte le occasioni.....

Cosa ci spinge ad andare in montagna ?
Cosi scrisse Anatolij Bukreev :
“Le Montagne sono un mondo completamente a parte :
neve , ghiaccio , roccia , cielo e aria sottile.
Queste cose non puoi conquistarle , puoi solo elevarti alla loro altezza per poco tempo e in cambio esse ti chiedono molto.
La tua lotta non è contro un nemico , o un concorrente , come nello sport , ma con te stesso, con la tua debolezza e la tua inadeguatezza .
Questa è una lotta che mi attrae ed è per questo che sono diventato alpinista .
Ogni montagna è diversa dalle altre , ognuna è una vita diversa che hai vissuto.
Arrivi in cima dopo aver rinunciato a tutto quello che credevi necessario alla sopravvivenza e ti trovi solo con la tua anima.
In quel vuoto puoi riesaminare , in un ottica diversa , te stesso e tutti i rapporti e gli oggetti che fanno parte del mondo normale . “
Anche se io non faccio neanche minimamente le cose che ha fatto Bukreev.
Devo sfruttare tutti le occasioni per potermi allenare.
Sabato mattina mestieri e in pomeriggio con Simone, Rocca di Baiedo.
E’ bello tornare in un posto che hai gia’ frequentato un po’ di anni fa’ :
La rocca è stata chiusa all’arrampicata per pericolo di frane e solo poco tempo fa’ e’ stata riaperta.
Nostra intenzione era fare la via Solitudine ma visto la ressa all’attacco decidiamo di andare sulla parallela via Folletto.
p.s. Per Andrea come vedi neanche tu puoi sbagliare ad attaccare la via qua !
Alla prima sosta , notiamo che abbiamo superato una cordata sulla via solitudine e notiamo che il secondo della prima cordata ha un bel ciuffo biondo che esce dal caschetto…
Aumentiamo un po’ i ritmi e cosi facendo li raggiungiamo, scopriamo che oltre al ciuffo biondo c’e’ dell’ altro. E bello incontrare una Fata di Bellano !
Il tiro piu' bello pura aderenza visione dal basso all'alto
e dal alto al basso
Come tutte le favole c’e’ sempre il guastafeste che mi dice di fare una variante , e io pirla seguo il suo consiglio. Cosi ci imbattiamo in una placca che ci fa perdere tempo prezioso ma visto che la Fata non aspetta ci siamo ritrovati in cima da soli.
Per punizione al mio consigliere faccio fare il sentiero ripido che scende a destra.
NON E’ ASSOLUTAMENTE DA FARE !!!!
Molto pericoloso .
Una volta toccato l’asfalto sono le 17.30 , visto che dobbiamo sfruttare tutto il tempo a disposizione decidiamo di andare a vedere un settore nuovo con del “Verruccano” ( vado a memoria e spero di non sbagliare ) una roccia diversa dal calcare un conglomerato a detta della relazione rosso ma dal nostro punto di vista nero.
Per chi vuole : http://larioclimb.paolo-sonja.net/falesie_lecco/fusinetta/index.html

Per provare facciamo il primo tiro di una via che non sappiamo il nome, la roccia e un po’ umidiccia ma deve essere una goduria in estate.
Sarebbe bello che altra gente venisse in questo posto, cosi anche la roccia si pulirebbe un po'.

Ora la luna fa’ capolino nell’intaglio tra la Rocca di Baiedo e Zucco dell’ Angelone, be forse è meglio tornare verso la macchina, anche per oggi abbiamo sfruttato tutte le occasioni … o quasi.


4 commenti:

simo ha detto...

con poco tempo a disposizione baiedo è l'ideale. la variante di cui si parla inizia dalla cengia a metà di solitudine tre tiri 5b 6a 4b protetta a spit, molto consigliabile.
il sentierino di discesa nel bosco è per aspiranti suicidi, molto meglio la strada che porta in paese.

Lele ha detto...

E bravi ragazzi....ricky vedo che la mia videocassetta su anatoly boukreev ti ha contagiato..

claus_ ha detto...

bel posto la rocca di Baiedo! mi ricorda la prima volta in assoluto in cui misi le scarpette.
allora l'hanno riaperta? ci farò sicuramente un giro. mi avevano parlato di vie molto sporche e vegetate dopo la riapertura, voi come le avete trovate?

ho visto che avete fatto anche un giro alla Fusinetta. E' un posto da estate ma purtroppo ancora non sono riuscito ad andare a curiosare.

buone salite
Claus

simo ha detto...

folletto e solitudine di sicuro sono agibili.
la vegetazione è rigogliosa sul tiro di collegamento tra la prima e la seconda parte delle vie, soprattutto per folletto (ma penso sia sempre stato così visto che si passa nel bosco). per il resto le due vie sono ok.
sulla variante che abbiamo fatto c'è una striscia di muschio che disturba un po', qualche ripetizione in più farebbe bene.
al termine delle vie ci sono delle reti metalliche (si vedono in una delle foto) un po' inquietanti.

ciao