Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

01 feb 2011

Blüemberg 2405m Da Muotathal 30/01

Ancora una volta il Catena tira fuori un gitone nel piccolo cantone svizzero di Schwiz. Partiamo da casa sotto un leggero nevischio e in poco meno di tre ore siamo a Muotathal 80km più su del Gottardo.
Questo paesino si trova a quota 605m...da noi a questa altezza ci sono già i fiori, qui invece partiamo sci ai piedi!
Iniziamo a risalire ripidi pratoni tra numerose cascine e in breve buchiamo la nebbia

Ambiente dolomitico

La salita prosegue seguendo una ripida traccia tra radure e boschi
Poi gli spazi si fanno più aperti e iniziamo un traverso verso la bastionata rocciasa dell' Achslenstock

Ai suoi piedi si apre un ampio vallone

E finalmente siamo al sole


Al termine del vallone raggiungiamo un colletto quota 2067m da cui è ben visibile la nostra cima con la parte finale della salita

Ora ci uniamo all'itinerario che sale dall'altro versante e affrontiamo il ripido tratto finale

Quasi in cima
E in poco più di 4 ore siamo in vetta insieme ad una ventina di sciapinisti la maggior parte dei quali salita dall'altro versante tra cui anche Claus e Marlen che saluto

Panorami insoliti e cime sconosciute, questa però sarà la prossima gita da fare in zona

Davanti a noi il Rosstock


Primi metrei di discesa da percorrere con attenzione per via dei salti rocciosi sottostanti


Claus in azione

Neve uguale uguale a quella di sabato in orobia


Discesa che sembra non finire mai...alla fine un po' di sano ravanaggio prima del prato finale che ci porta sci ai piedi alla macchina

Degna conclusione di giornata al caseificio di Airolo davanti ad un gustose rosti!
Nota storica molto interessante:
a Muothatal arrivò nel 1883 Iselin dopo la conquista del colle del Pragel in traversata da Glaris, data ufficiale della nascita dello scialpinismo.
«Fu solo nel gennaio 1893 che Cristoforo Iselin di Glaris e tre suoi amici, dopo essersi lungamente dedicati all'esercizio del nuovo sport, riuscirono a superare il colle del Pragel (m 1554), traversata giustamente considerata come l'origine delle escursioni di montagna in sci.Iselin e i suoi compagni si erano dati appuntamento un sabato sera, al calar della notte e ad una rispettabile distanza da Glaris, tutto questo per evitare gli scherni dei loro compaesani. Tra di essi, fra cui anche un norvegese, calzavano gli sci, solo il quarto portava delle racchette e la gita doveva servire a decidere se la superiorità fosse da attribuire alle racchette od agli sci» [Da "Alpinismo Invernale", di Marcel Kurz]

3 commenti:

Vecchioleone ha detto...

ebbbbastardone!!!!
Il catena su on-ice ci aveva ingannato parlando di fallimento ma almeno ha avuto pietà di noi nelle nubi, tu invece ci hai buttato in faccia tutto il cielo azzurro sopra di voi!!!!

Orzo Bimbo ha detto...

Anche sta volta 1800 mt e oltre...
Ma vi fa schifo una gita normale ?
Bravi e ottima organizzazione per lo scherzo!

claus_ ha detto...

un saluto e alla prossima :)
a saperlo si faceva tutta la gita assieme!

onore ai minatori che hanno bucato il Gottardo per permetterci di saltare di qua e di là delle Alpi