Chi e perchè.

"Ci piace trascorrere il tempo libero all'aperto, in montagna o in ambiente naturale. Ci piace camminare, scalare, sciare, e osservare. Ci interessano tutti gli aspetti della natura, dell'ambiente e dell'ecologia. E' un'esperienza che non si ferma al ritorno in città, per questo la vogliamo raccontare."
.......................................Club Alpino Italiano - sez. Brugherio

08 ott 2012

Via dello Spirito, Albigna


Rubo un po’ di spazio alla perle di saggezza di don Riccardo, spero che nessuno si arrabbi…


A più di un mese da uno stupidissimo incidente che mi ha messo ko la spalla e rovinato le ferie avevo voglia  di tornare ad arrampicare. L’estate è passata e con essa temevo che fosse passata anche la possibilità di toccare il granito sopra i 2000 metri. Per fortuna mi è venuta incontro un po’ di fortuna che ha garantito temperature gradevoli e meteo eccezionale per tutta la giornata di sabato.


Ho deciso di sfruttare quest’occasione e, insieme a Lucie, ci siamo recati in Albigna.
Da anni volevo salire l’imponente versante nord-ovest del pizzo Balzetto, quello che si vede bene salendo con la funivia e sul quale una serie di tetti e fessure disegna il faccione dello Spirito dell’Albigna.

La via dello spirito supera i 700 metri di dislivello che vanno dalla diga alla cima del pizzo Balzetto.
Una prima serie di diedri e placche di circa 300 metri lascia il passo a una cresta di II e III grado che si segue fino all’anticima e poi alla cima vera e propria.
Devo dire che l’ansia di fare in fretta per non farci sorprendere dal buio non mi ha permesso di godermi fino in fondo questo itinerario, meglio farlo in stagione estiva con un paio di ore di luce in piu a disposizione !


 Le cime piu' alte presentano una bella spruzzata di neve, segno inconfutabile che l'inverno preme.


In uno dei punti piu' estetici


I tiri lasciano spazio a un lunghissimo crestone che si percorre senza percorso obbligato. In questa parte le difficoltà arrivano al IV-.


L'affilato spigolo che conduce all'anticima.


Badile, Cengalo e Bondasca già in veste invernale.


Ore 1720.. Cima!!!


Discesa divertente per la cresta nord-est.
Poi sentiero fino al rifugio che troviamo aperto.

Dopo qusi 12 ore abbiamo voglia di sorridere...ne abbiamo tutti i motivi dopo una giornata come questa!



Avevamo gran fame ... per fortuna, siamo arrivati giusto in tempo per la cena al rifugio Albigna.


5 commenti:

Orzo Bimbo ha detto...

Sono contento di rivederti sulla roccia.
Poi arrampicare voi due soli dev'essere FANTASTICO !
In effetti hai ragione in estate puoi prendertela con piu' calma, ma forse cosi ha tutto piu' gusto !
Bravi !
ps. Essendo don da oggi, vi do la mia benedizione Cari!

Andrea ha detto...

non porterà sfiga la tua benedizione??

Dai, la prossima volta vieni anche tu pero'. Devi finirla di paccarmi!!

Orzo Bimbo ha detto...

Va che mi stò allenando per cercare di starvi a ruota .
Tra te e l'altro tuo ononimo ce n'è di strada da fare....

tiramisù ha detto...

Bravi! Contento anche io, la fettuccia te la ridarò umida di neve...
Ho visto qualche allieva metterci in crisi eh vecio Ricky...:-) L'acqua l'acqua da bere!

Andrea ha detto...

la fettuccia! L'avevo dimenticata!
A presto Andre!!